mercoledì 24 giugno 2015

#ViSegnalo: La Pietà Dell'Acqua di Antonio Fusco

Il 2014 è stato l'anno d'esordio di Antonio Fusco, funzionario di polizia e criminologo, entrato nel mondo della narrativa noir. Una realtà non così distante dalla sua esperienza quotidiana.



Ogni giorno ha il suo nome, il suo libro d'esordio, è una storia tutta italiana che ci ha permesso di conoscere il commissario Casabona. 
Il caso che ci racconta Fusco, non si risolve con una semplice e rapida risoluzione, perché vuole rappresentare un vero e proprio mezzo attraverso il quale il lettore inizierà a riflettere sull'importanza dell'essere uomo al giorno d'oggi.
In occasione dell'uscita del secondo libro dell'autore, La pietà dell'acquaGiunti ha deciso di riproporre Ogni giorno a suo nome in versione economica.

In La pietà dell'acqua ritroveremo il commissario Casabona e le sue colline toscane, che si trasformeranno ancora una volta in teatro di una serie di omicidi.
Casabona si ritroverà ad indagare sul brutale omicidio di un uomo, ritrovato sotto quello che la popolazione autoctona chiama il "castagno dell'impiccato".
Il brusco ritorno delle vacanze del commissario, lo spingerà ad indagare parallelamente sullo svuotamento di una diga risalente al dopoguerra che porterà alla luce un intero villaggio sommerso e, tramite l'incontro tra il commissario e una giornalista francese, scopriremo i retroscena e la storia di questo posto dimenticato.
La giornalista, Monique, si trova in Toscana per cercare ulteriori notizie su un antico reperto, passato di mano in mano che si rivelerà essere l'unica testimonianza di una strage nazista dimenticata avvenuta proprio nel villaggio sommerso.
Due piste che si incrociano e che verranno ostacolate da forze interne ed eventi passati, ma che hanno ancora il potere di ferire. 

Una storia intricata e intrigante dove il vissuto di Fusco si intreccerà con le esperienze che il suo protagonista farà sulla carta.





Alla prossima

2 commenti:

  1. Interessante il tuo blog, e il titolo è davvero azzeccato. Complimenti!

    RispondiElimina