lunedì 3 novembre 2014

#ViSegnalo: Novità in libreria Novembre 2014

Novembre vede entrare nel panorama editoriale italiano uscite decisamente succose. Molte le novità e molti i graditi ritorni. Queste quelle segnalate da UnAntidotoControLaSolitudine:

A pesca nelle pozze più profonde. Meditazioni sull'arte di scrivere racconti di Paolo Cognetti (13,00€ - MinimumFax).
Un testo sincero e diretto sul "racconto", prodotto da chi il racconto con la R maiuscola lo ha sempre letto, scritto ed amato. Un libro che chiama in causa autori come Carver, Salinger, Alice Munro (solo per citarne alcuni) e che fa dei loro scritti un punto di riflessione dal quale partire.
Se avete amato Cognetti e il suo "Sofia si veste sempre di nero" non potrete perdervi questo piccolo libro, anche perchè nella parte finale c'è spazio anche per la stessa Sofia. 
Cognetti e i racconti. Un binomio da non lasciarsi scappare.


Altro graditissimo ritorno è quello di Pierpaolo Vettori che con La vita incerta delle ombre (17,50€ - Elliot) torna a raccontare le sue storie intime e delicate.
Le paure di Alessandro e i suoi timori, narrate in un viaggio apparentemente onirico nel quale Vettori potrebbe riconfermare le stesse abilità già consolidate con "Le sorelle Soffici".
Grande è la curiosità.


Infine avvicinandosi il Natale non posso far a meno di guardare l'ultimo libro di Joe Hill è sorridere. NOS4A2. Ritorno a Christmasland (19,90€ - Sperling & Kupfer) è libro che aspettavo da tempo. La trama è delle più nere e lo scrittore del Maine ha già dimostrato con i suoi precedenti romanzi di saperci fare.

NOS4A2 è la scritta che troveremo su una targa di una macchina molto particolare. NOS4A2 è il romanzo nel quale i bambini scompaiono. NOS4A2 è l'ultimo libro del figlio di Stephen King. Ma questo è un dettaglio marginale, perchè Joe è già maestro, Joe sa che chi ama l'horror il Natale lo vuole passare con il sorriso sulle labbra.

E voi cosa recupererete? Quali sono i libri che vi tormenteranno durante questo mese?


Alla Prossima
Andrea

Nessun commento:

Posta un commento