martedì 7 gennaio 2014

Cento Strappi di Liesl Jobson

Click. Il rumore di una fotografia. Sembra una vecchia polaroid e giustamente ha bisogno del suo tempo per mostrare la sua vera natura.
Il Sud Africa è il soggetto della foto e Liesl Jobson, e del suo Cento Strappi (edito Marcos Y Marcos), è la fotografa che attraverso le sue short stories presenta al lettore uno scenario pieno ed esaustivo del panorama che ha identificato come centro della sua narrazione.




Definita regina della flash fiction, la Jobson attraverso cento strappi, cento racconti, andrà ad analizzare svariate sfaccettature del suo territorio e di chi lo abita.

La lista della spesa” e “Porcellini” sono un esempio di quanto attraverso queste immagini colorate e musicali possano essere trattate tematiche dure e d'impatto.
Rassegnazione, disperazione, speranza e passività. Tutto visto ed analizzato con occhio vigile, critico. Proprio questa analisi accurata mi ha portato personalmente a constatare qualche problema di lettura nato molto probabilmente da un gusto personale. Infatti ogni racconto è caratterizzato da una grandissima ricerca lessicale, ma essendo lungo dall’una alle sei pagine il lettore potrebbe fare fatica ad entrare nella storia. E’ un difetto? Non lo so. Forse basterebbe dire che si tratta di un libro che necessita di molta attenzione, necessità di essere letto a strappetti.

Così ho fatto io, ho strappato racconto per racconto, con calma, e ho riscontrato lo stesso problema: tempo di ambientarmi nella storia e la vedevo purtroppo tramontare.

Nota positiva che mi sento sicuramente di citare è il lavoro di traduzione che è stato coordinato da Isabella Zani che ha diretto il “laboratorio 24X4 (col resto di 4)” progetto tenutosi a Roma che ha portato alla spartizione della traduzione dei racconti contenuti nella raccolta. Risultato? Non si percepiscono notevoli stracchi tra una storia e l’altra.

L'opera d’esordio di questa scrittrice africana, si rivela essere un libro atipico che fa della sua forma stilistica il suo peggior nemico e delle sue tematiche il suo punto di forza. 


L'articolo originale (non revisionato) è stato pubblicato su Yoobookers.it
Alla Prossima
Andrea

2 commenti:

  1. ti ci voleva un blog! e poi ottima la scelta grafica! darò una sbirciata anche qui ogni tanto, compare pirata!!! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie caro! spero di aver fatto cosa saggia! :D

      Elimina